“EL CAREGHETA”: UN’ AVVENTURA TRA MONTI E PIANURA

di Wally MASSIMO Il careghéta, o seggiolaio in italiano, era un mestiere molto diffuso nel bellunese, soprattutto nell’Agordino (Gosaldo e Rivamonte). Questo antico mestiere era presente in Veneto anche nelle zone paludose dell’Adige e del Po e ovviamente nel confinante Friuli Venezia Giulia. Quando nei paesi arrivava il careghéta si notava subito che era un “foresto”, perché era vestito con giacca e pantaloni di fustagno a imbuto, calzettoni di lana grossa, scarponi da montagna e cappello di feltro verde. Il careghéta arrivava in pianura alla fine dell’autunno e ripartiva all’inizio della primavera. Questo non era casuale: era il periodo in cui la presenza della neve impediva le consuete attività di montagna. Già nel ‘500 a Venezia erano famosi gli artigiani e i seggiolai impagliatori dell’Agordino e i loro prodotti venivano esportati dagli abili commercianti veneziani in tutto il mondo da loro conosciuto. Venivano chiamati cònthe, dal veneto bellunese “conzar”, ossìa…

Leggi Altro