SAN GIORGIO INGANNAPOLTRON: TRA «I PIU’ BELLI»

SANT’AMBROGIO DI VALPOLICELLA (VR) 4 Aprile 2016 «Tra i più belli»Si è recentemente concluso positivamente il percorso per l’inserimento di San Giorgio Ingannapoltron, piccola frazione nelle colline a nord di Verona ne «I Borghi più Belli d’Italia», un cosiddetto “club” creato nel 2001 da parte della Consulta del Turismo della Associazione Nazionale Comuni Italiani (constante hoc die 252 associati).Siamo nel Comune di Sant’Ambrogio di Valpolicella, nel cuore della forse area vitivinicola più importante al mondo.Oltre alla citata prestigiosa elezione, vi sono ulteriori rinnovamenti per il “gioiello” valpolicellese.Diversi interventi hanno interessato il rifacimento della pavimentazione del centro storico ed il recupero della antica stradina Sottoprato (la quale con una scalinata unifica i piedi del paese con la antica Pieve romanica), la rivalorizzazione dell’antica fontana e del muro di cinta dell’ex scuola elementare.Questi ultimi “miglioramenti” si sono resi possibili grazie al prezioso contributo della scuola d’arte “Paolo Brenzoni”, con la collaborazione dello…


FARINA & NICOLIS:UN 2015 DA RICORDARE

VERONA 5 Maggio 2016 Due forti squilli meritori si sono uditi nell’autunno 2015 per l’imprenditoria veronese.Il primo è quello di Silvia Nicolis, Presidente del Museo Nicolis di Villafranca di Verona, la quale è stata insignita presso la Sala dei Giganti dell’Università di Padova del Premio “Capitani dell’Anno 2015”.Il riconoscimento mira a valorizzare le idee e la determinazione che seguono il percorso di numerosi imprenditori veneti.Il Nicolis rappresenta sin dalla sua nascita (nel 2000) un paradigma noto di Museo-Impresa, vale a dire una azienda privata perseguente obiettivi di crescita e di business con una importante funzione sociale e culturale.«Sono molto onorata di ricevere questo riconoscimento. Esso è l’apprezzamento al lavoro, al sacrificio, all’entusiasmo di tutti coloro che ogni mattina si svegliano per lavorare e fare qualcosa di buono nell’interesse comune».Questo il messaggio di Silvia, già premiata – sempre nel 2015 – anche con “Profilo Donna 2015” (per l’imprenditoria femminile) ed “Eccellenza…


A Verona grande successo per “L’onorevole di Leonardo Sascia”

La Nuova Compagnia Teatrale diretta da Enzo Rapisarda ha portato in scena a Verona, in seno alla rassegna “Il Teatro è Servito sotto le Stelle” con un testo scomodo ma di un’attualità folgorante. L’onorevole, scritto da Leonardo Sciascia nel 1964 per il Teatro Stabile di Catania fu poi ritirato dal cartellone della stagione per le imbarazzanti somiglianze con un potente politico del partito di maggioranza del tempo. Si tratta di una parabola sulle diaboliche dinamiche del potere e sulle connivenze tra politica, criminalità organizzata e istituzioni religiose che pare scritta oggi e che costituisce una denuncia lucida e spietata, con tratti di quell’ironia grottesca tanto cara a Sciascia.In tutti questi anni il testo è stato portato in scena solo tre volte e abbastanza in sordina: è un testo di grande effetto, su cui è necessario riflettere e far riflettere e che la Nuova Compagnia Teatrale ha allestito con la determinazione…


DA VALLESE A RIO DE JANEIRO, L’ORO OLIMPICO 2016 DI ELIA VIVIANI

Lo scorso 15 agosto Vallese di Oppeano, frazione di quasi tremila abitanti alle porte di Verona, era in tripudio, con le vie addobbate di fiocchi dorati e bandiere tricolori. Sapeva infatti che da lì a poco avrebbe potuto riabbracciare il suo grande campione, di ritorno da Rio de Janeiro, l’Oro Olimpico nell’Omnium 2016 Elia Viviani.Elia, classe 1989, vive a Vallese di Oppeano con la mamma e papà, i fratelli Luca e Attilio – anche loro grandi sportivi – e la nonna. Una famiglia semplice, che lo ha sempre sostenuto con umiltà, gioia, tanto orgoglio, ma soprattutto numerosi sacrifici. Alla mamma Elena e al papà Renato è andato l’abbraccio di Elia subito dopo la vittoria. Inoltre condivide la passione in coppia con Elena Cecchini, anche lei campionessa di ciclismo; a lei e alla famiglia ha dedicato la medaglia d’oro.“Nella disciplina dell’Omnium Elia Viviani si è differenziato per la tenacia: nonostante una…



OLTRAGGIO DEI TURISTI A VENEZIA

VENEZIA – L’oltraggio non ha limiti. E Venezia ne fa le spese. Ed è ormai una lotta impari contro la maleducazione, l’uso sfrontato e indiscriminato di una città “unica al mondo” con presenze turistiche da “calata di lanzichenecchi”: 34 milioni di visitatori. Venezia sempre più in ginocchio di fronte ad un turismo sbracato che non dà respiro. E non c’è solo la gentildonna che si va accucciando per fare i bisogni sul Molo, a due passi da San Marco e dal blasonato Albergo Danieli, immortalata da un gondoliere incredulo di quanto stava accadendo davanti ai suoi occhi. Ma c’è di più e altro. (da Leggo)


ZAIA,DASPO A TURISTI MALEDUCATI

(ANSA) – VENEZIA, 23 AGO – “La soluzione per fronteggiare la maleducazione di alcuni turisti a Venezia è prevedere, sulla falsariga di quanto avviene nello sport, un Daspo per tutti coloro che si comportano male”. E’ l’idea avanzata dal presidente del Veneto, Luca Zaia, alla luce della serie di episodi rimbalzati in rete riguardanti turisti che scambiano gli angoli della città lagunare per latrine o bivacchi notturni. “Venezia – ha proseguito Zaia – è un museo, un patrimonio dell’umanità, e bisogna andare giù con mano pesante, punendo per bene chi si rende protagonista di certi atti. Mi aspetterei la stessa indignazione mostrata ad esempio contro le grandi navi. Quanto al sovraffollamento della città, il presidente ha rilanciato sull’idea della prenotazione, “che risolverebbe tutti i problemi, visto che ormai si fa per ogni cosa, dallo sci al cinema, per cui non sarebbe problematico programmare sul web anche una visita a Venezia”.


Masi Agricola, ricavi a +9% nel semestre

Masi Agricola, azienda vitivinicola dell’area della Valpolicella classica, ha riportato nel primo semestre 2016 ricavi in crescita del 9% a 29,9 milioni e ha visto migliorare l’utile netto a 3,9 milioni dai 3,1 milioni di un anno fa. Il fatturato proviene per il 45% circa dal resto d’Europa, per il 39% dal continente americano e per quasi il 13% dall’Italia: proprio quest’ultima area ha mostrato il tasso di incremento maggiore nel semestre (+35%)L’ebitda e’ salito a 8 milioni, da 7,5, confermando il margine sui ricavi al 27% circa. La posizione finanziaria netta consolidata al 30 giugno 2016 risulta negativa per 748mila euro a fronte di una situazione positiva per 3 milioni al 31 dicembre 2015.