A Verona grande successo per “L’onorevole di Leonardo Sascia”

La Nuova Compagnia Teatrale diretta da Enzo Rapisarda ha portato in scena a Verona, in seno alla rassegna “Il Teatro è Servito sotto le Stelle” con un testo scomodo ma di un’attualità folgorante. L’onorevole, scritto da Leonardo Sciascia nel 1964 per il Teatro Stabile di Catania fu poi ritirato dal cartellone della stagione per le imbarazzanti somiglianze con un potente politico del partito di maggioranza del tempo. Si tratta di una parabola sulle diaboliche dinamiche del potere e sulle connivenze tra politica, criminalità organizzata e istituzioni religiose che pare scritta oggi e che costituisce una denuncia lucida e spietata, con tratti di quell’ironia grottesca tanto cara a Sciascia.In tutti questi anni il testo è stato portato in scena solo tre volte e abbastanza in sordina: è un testo di grande effetto, su cui è necessario riflettere e far riflettere e che la Nuova Compagnia Teatrale ha allestito con la determinazione…


DA VALLESE A RIO DE JANEIRO, L’ORO OLIMPICO 2016 DI ELIA VIVIANI

Lo scorso 15 agosto Vallese di Oppeano, frazione di quasi tremila abitanti alle porte di Verona, era in tripudio, con le vie addobbate di fiocchi dorati e bandiere tricolori. Sapeva infatti che da lì a poco avrebbe potuto riabbracciare il suo grande campione, di ritorno da Rio de Janeiro, l’Oro Olimpico nell’Omnium 2016 Elia Viviani.Elia, classe 1989, vive a Vallese di Oppeano con la mamma e papà, i fratelli Luca e Attilio – anche loro grandi sportivi – e la nonna. Una famiglia semplice, che lo ha sempre sostenuto con umiltà, gioia, tanto orgoglio, ma soprattutto numerosi sacrifici. Alla mamma Elena e al papà Renato è andato l’abbraccio di Elia subito dopo la vittoria. Inoltre condivide la passione in coppia con Elena Cecchini, anche lei campionessa di ciclismo; a lei e alla famiglia ha dedicato la medaglia d’oro.“Nella disciplina dell’Omnium Elia Viviani si è differenziato per la tenacia: nonostante una…



OLTRAGGIO DEI TURISTI A VENEZIA

VENEZIA – L’oltraggio non ha limiti. E Venezia ne fa le spese. Ed è ormai una lotta impari contro la maleducazione, l’uso sfrontato e indiscriminato di una città “unica al mondo” con presenze turistiche da “calata di lanzichenecchi”: 34 milioni di visitatori. Venezia sempre più in ginocchio di fronte ad un turismo sbracato che non dà respiro. E non c’è solo la gentildonna che si va accucciando per fare i bisogni sul Molo, a due passi da San Marco e dal blasonato Albergo Danieli, immortalata da un gondoliere incredulo di quanto stava accadendo davanti ai suoi occhi. Ma c’è di più e altro. (da Leggo)


ZAIA,DASPO A TURISTI MALEDUCATI

(ANSA) – VENEZIA, 23 AGO – “La soluzione per fronteggiare la maleducazione di alcuni turisti a Venezia è prevedere, sulla falsariga di quanto avviene nello sport, un Daspo per tutti coloro che si comportano male”. E’ l’idea avanzata dal presidente del Veneto, Luca Zaia, alla luce della serie di episodi rimbalzati in rete riguardanti turisti che scambiano gli angoli della città lagunare per latrine o bivacchi notturni. “Venezia – ha proseguito Zaia – è un museo, un patrimonio dell’umanità, e bisogna andare giù con mano pesante, punendo per bene chi si rende protagonista di certi atti. Mi aspetterei la stessa indignazione mostrata ad esempio contro le grandi navi. Quanto al sovraffollamento della città, il presidente ha rilanciato sull’idea della prenotazione, “che risolverebbe tutti i problemi, visto che ormai si fa per ogni cosa, dallo sci al cinema, per cui non sarebbe problematico programmare sul web anche una visita a Venezia”.


Masi Agricola, ricavi a +9% nel semestre

Masi Agricola, azienda vitivinicola dell’area della Valpolicella classica, ha riportato nel primo semestre 2016 ricavi in crescita del 9% a 29,9 milioni e ha visto migliorare l’utile netto a 3,9 milioni dai 3,1 milioni di un anno fa. Il fatturato proviene per il 45% circa dal resto d’Europa, per il 39% dal continente americano e per quasi il 13% dall’Italia: proprio quest’ultima area ha mostrato il tasso di incremento maggiore nel semestre (+35%)L’ebitda e’ salito a 8 milioni, da 7,5, confermando il margine sui ricavi al 27% circa. La posizione finanziaria netta consolidata al 30 giugno 2016 risulta negativa per 748mila euro a fronte di una situazione positiva per 3 milioni al 31 dicembre 2015.


FEDERICA PORTABANDIERA

RIO DE JANEIRO (BRASILE) / SPINEA (VE) / VERONA 2 Maggio 2016 Nella imminenza del via dei XXXI° Giochi Olimpici in svolgimento a Rio de Janeiro in Brasile, l’Italia ha eletto la propria portabandiera nella Cerimonia di Apertura della manifestazione in terra sudamericana: Federica Pellegrini.La nuotatrice veneziana succede così come ‘reggente’ del vessillo tricolore ad un’altra grande atleta del Nord Est, la veronese Sara Simeoni (medaglia d’oro nel salto in alto a Mosca nel 1980) che lo fu a Los Angeles nel 1984.Esso rappresenta il giusto riconoscimento (toccato in passato ad altri fenomeni sportivi come Valentina Vezzali, Yuri Chechi, Antonio Rossi o Pietro Mennea) ad una carriera straordinaria, che potrebbe chiudersi dopo le gare di agosto (salvo ripensamenti della swimmer di Spinea).«E’ un riconoscimento alla mia carriera che mi rende felice come poche altre volte. Sono contenta di esserlo e di rappresentare ancora di più del solito il nostro Paese….


L’INPS SOPPRIME LA DIREZIONE …

ROMA\ aise\ – “Con una Determinazione di fine luglio il Presidente dell’Inps Tito Boeri ha inopinatamente eliminato la Direzione delle Convenzioni Internazionali ed ha accorpato le sue funzioni nella Direzione Centrale Pensioni”. A lanciare l’allarme in una nota congiunta sono i deputati del Partito Democratico Marco Fedi e Fabio Porta, entrambi eletti all’estero. “Quali saranno le conseguenze di questa inattesa e forse indecifrabile decisione sui diritti socio-previdenziali dei lavoratori emigrati e migranti (visto che il fenomeno dell’emigrazione ha ripreso da alcuni anni di intensità)”, osservano i due parlamentari, “lo sapremo nei prossimi mesi quando dovrà essere attuato il nuovo ordinamento delle funzioni centrali e territoriali dell’Inps”.“La profonda riorganizzazione dell’Inps stabilita ed illustrata nella Determinazione n.110 del 28 luglio scorso ha l’obiettivo di razionalizzare le strutture organizzative dell’Istituto previdenziale rendendole, secondo gli auspici del Presidente Tito Boeri, più efficienti e più vicine ai cittadini”, spiega la nota di Fedi e Porta….