Le maestre d’asilo si tagliano lo stipendio

RONCADE.  Da maestre d’asilo fino a ieri a tempo pieno a insegnanti oggi a orario ridotto. A far scuola in questi giorni con la decisione di mettere in salvo tutti i posti di lavoro lanciando per ciascuna delle maestre in servizio il “salvagente” di un contratto di solidarietà – con la conseguente riduzione per ciascuna delle 17 insegnanti in cattedra dell’orario di lavoro – è l’asilo parrocchiale paritario di Roncade. A monte della difficoltà finanziaria che vede messa in croce nella Marca un’altra scuola dell’infanzia paritaria, è il calo degli alunni iscritti. E ancor prima il tonfo della denatalità che ha costretto negli ultimi dieci anni gli asili trevigiani a fare i conti con un crescendo di banchi vuoti.E pesa anche l’ormai cronica questione dei ritardi nell’erogazione dei fondi ministeriali e regionali. Puntando la lente sull’asilo di Roncade sono 100 i bambini quest’anno in classe alla materna. E 20 al…


A San Pietro di Feletto la lettera d’estate a Babbo Natale per non perdere la maestra

SAN PIETRO DI FELETTO. Che Babbo Natale in questo periodo sia in ferie, lo sa bene. Per questo, prima di scomodare il nonno vestito di rosso, aveva provato con il Bambino Gesù, che in vacanza non ci va mai. Luca è un bimbo che frequenta la scuola elementare Silvio Pellico, nella piccola frazione di Rua di Feletto. Adora la sua maestra Barbara, che ogni giorno rende più nitido e comprensibile l’orizzonte sul suo mondo. Quando il piccolo ha saputo che la sua maestra non ci sarà più il prossimo anno (cambia città per motivi personali, ma queste sono cose da grandi) prima si è disperato, poi ha deciso di bussare alla porta di chi conta veramente, perché interceda per lui. Nonostante l’estate alle porte, ha preso carta e penna e ha scritto a Babbo Natale la sua richiesta, che fa stringere il cuore: «Caro Babbo Natale», scrive Luca, «ti prometto…


La dottoranda di Treviso che fa muovere i robot col pensiero

TREVISO. Ha un aspetto simpatico e tra i bambini della pediatria di Padova è già una star. Ma quel che contraddistingue Pepper da tanti suoi simili è che il robottino umanoide può essere controllato con il pensiero, grazie a un lavoro di programmazione durato anni. L’autrice dello studio è una giovanissima dottoranda dell’università di Padova: Gloria Beraldo, che ha 25 anni ed è residente a Castelfranco. Nei giorni scorsi, Gloria ha proposto all’International Conference on Robotics and Automation di Brisbane il progetto nato dalla sua tesi magistrale, illustrando davanti a più di 3.500 scienziati come il piccolo robot possa essere comandato con l’attività cerebrale, semplicemente dopo qualche esercitazione. «Ci vuole un po’ di addestramento», spiega Gloria, che attualmente partecipa allo Ias-Lab del dipartimento di Ingegneria dell’Informazione, «che può durare più o meno tempo a seconda di come reagisce ogni singola persona. Diciamo che se è particolarmente veloce possono bastare anche…


Cecilia, del Canova di Treviso, è la storica d’Italia

TREVISO. È trevigiana la più brava studentessa di Storia in Italia, vincitrice del “Certamen di Storia e Letteratura Italiana” ovvero l’olimpiade dell’Italiano e della Storia che vede ragazzi del quarto e quinto anno liceale sfidarsi a colpi di conoscenze sugli autori o analisi storica. Cecilia Bona, diciottenne, alunna della 3A liceo classico del liceo Canova, è salita sul podio, al primo posto. Ricevendo il premio sabato scorso a Venaria Reale, in provincia di Torino, il comune che per primo sette anni fa ha riservato il concorso agli studenti delle superiori in occasione della ricorrenza dei 150 anni dell’unità d’Italia. Ancora ad un altra studentessa del liceo classico trevigiano, Gaia Santolin, in gara durante la competizione e pure lei alunna della 3 A liceo classico, è giunto un riconoscimento di merito per la sua impeccabile analisi della poesia di Umberto Saba “Una donna”. Le tracce proposte durante la gara – che…


Paratriathlon, il ventitreenne veronese Marson è medaglia d’argento

VERONA – Il Paratriathlon nazionale parla anche veneto: è argento per il 23enne veronese Manuel Marson. L’atleta del Verona Triathlon Km , è secondo per la categoria V2  e 4°  assoluto con il tempo di  1 h10′ 30″. Nella gara disputatasi in Toscana a Porto Sant’Elpidio,  tappa dei Campionati Italiani Paratriathlon, Manuel e la sua guida, il fidato amico Marco Pavani (a sin. nella foto) hanno saputo tener testa alla disavventura accorsa nel bel mezzo della frazione a nuoto (750 mt in mare), quando il cordino che li legava è scivolato via. Dopo i 20 km di tandem e i 5 km di corsa, Manuel si dichiara soddisfatto e felice e grato per l’organizzazione e l’affetto del pubblico. Un argento che ripaga le mille fatiche che servono a preparare una competizione simile. Marson è un uomo dalla determinazione implacabile, dalla serenità contagiosa e dal sorriso disarmante! E’ uno di quegli eroi silenziosi…


Rischia di annegare per salvare i cani

 Rischia di affogare per soccorrere i suoi cani nella Brentella: salvato con una corda. Era entrato nelle acque del canale per salvare i suoi due cani, era riuscito a far risalire la femmina ma la stessa operazione non era più in grado di farla col maschio e neppure lui aveva più le forze per uscire dal canale. Scattato l’allarme, sul posto sono arrivati un’ambulanza del Suem, i vigili del fuoco e i carabinieri. Nel frattempo però la gente del posto era riuscita con una corda a trarre in salvo sia l’uomo, uno svizzero, sia il secondo cane. È accaduto ieri pomeriggio nei pressi della trattoria “da Mario” , lungo la Panoramica a Nervesa. L’uomo nel pomeriggio era arrivato alla trattoria coi suoi due cani, due pastori maremmani, un maschio e una femmina. Si era seduto a un tavolino all’esterno per bere qualcosa e aveva lasciato liberi i due cani. Dopo…


I canguri Bing e Bong sfrattati da Bibano

GODEGA. I canguri non salteranno più a Bibano. Domani mattina i carabinieri del nucleo della forestale insieme a veterinari arriveranno in via Palù per prelevare Bing e Bong e altri due canguri, della specie wallaby di Bennet, perché si tratta di specie tutelata. Per la legge non possono essere detenuti da privati. Una delle due femmine è incinta e c’è anche un piccolino, ma la legge stabilisce che debbano essere allevati in strutture specializzate. I canguri di Bibano finiranno probabilmente in uno zoo safari «La Prefettura ancora non ci ha dato una risposta, non possono portarli via», insiste Dino Del Puppo, titolare della fattoria che li ospita. A Bibano i wallaby erano arrivati una decina d’anni fa dalla Germania, dove il figlio Gary Del Puppo li aveva presi da cuccioli, salvandoli da un destino segnato, quello del macello. Era stata presentata all’epoca una comunicazione al Comune di Godega e non…


Lucky sogna un lavoro e intanto pulisce le strade

SANTA CROCE. «Gentili signore e signori, mi chiamo Lucky desidero integrarmi onestamente nella vostra città senza chiedere l’elemosina! Da oggi terrò pulite le vostre strade. Vi chiedo un contributo di soli 50 centesimi per il mio lavoro. Buste, scope, palette e altro materiale per la pulizia sono ben accetti. Grazie per le vostre contribuzioni». Accanto al cartello, posato per terra, sul marciapiede c’è un piattino di plastica con dentro alcune monetine. Altre ne arriveranno, anche se non tantissime. Qualche passo più avanti c’è Lucky, 21 anni, originario del Mali: ha una ramazza in mano e sta pulendo il tratto di marciapiede davanti agli ingressi delle villette e dei condomini di via Marco Polo, in zona Santa Croce. Dall’altra parte della strada, sempre sul marciapiede, un altro cartello identico e un altro piattino. Nella dotazione di Lucky, oltre alla scopa, ci sono anche una paletta e un grande sacco di plastica…