Giovani-editori, confronto colossi usa

L’Osservatorio Permanente Giovani – Editori sbarca negli Stati Uniti, con un’alleanza strategica senza precedenti: The New York Times, The Wall Street Journal e Los Angeles Times salgono formalmente a bordo dell’Organizzazione guidata da Andrea Ceccherini nella quale figura anche il nostro giornale, in prima linea con il progetto «Il Quotidiano in classe».Con l’obiettivo di mettere a punto un progetto moderno e all’assoluta avanguardia per incuriosire e appassionare i giovani americani ai contenuti del giornalismo di qualità, i tre giganti dell’informazione Usa hanno deciso di unire le forze per coordinare una strategia comune tesa a lanciarsi alla conquista dei nuovi lettori.Cabina di regia dell’operazione, che sarà inaugurata nel gennaio 2017 a New York, sarà l’«International Council» dell’organizzazione, nel cui board presieduto da Ceccherini siederanno personalmente anche i direttori esecutivi di The New York Times, Dean Baquet, del The Wall Street Journal Gerard Baker e del Los Angeles Times Davan Maharaj.


Dieci veronesi alla Confarigianato Veneto

Dieci veronesi nella cabina di regia di Confartigianato Veneto. Si è conclusa lunedì sera la «maratona elettorale» per il rinnovo dei vertici di categoria e di mestiere della Confederazione artigiana regionale, che resteranno in carica per i prossimi quattro anni, fino al 2020.Sono stati designati i responsabili delle 12 federazioni e dei 52 mestieri, oltre al Gruppo Giovani Imprenditori. La componente scaligera si aggiudica una presidenza di federazione, tre presidenze di mestiere e sette vicepresidenze.Tra i vertici di federazione, il veronese Eugenio Moro è la nuova guida di Servizi e Terziario. Calzolaio di San Giovanni Lupatoto, Moro è stato eletto anche presidente di mestiere dai colleghi veneti. Sempre per i mestieri, Diego Brunelli di Grezzana va alla guida dei Frigoristi, a Giovanni Mauro Beccherle, di Pescantina, è al vertice del settore Autobus operator e servizi turistici. Si passa poi ai vicepresidenti della provincia. Giancarlo Molinaroli di Grezzana è vice dei…


Il Professor Rigotti premiato a Boston

VERONA 19 Marzo 2016 Dove opera il miglior chirurgo plastico al di fuori del territorio degli Stati Uniti?A Verona e precisamente presso la Clinica San Francesco.l suo nome è Professor Gino Rigotti.Questa è l’elezione stabilita dalla Società Americana di Chirurgia Plastica (American Society for Aesthetic Plastic Surgery), la quale ha ha assegnato a Boston (USA) – nell’ottobre 2015 – al medico scaligero il Premio ‘Jacques Maliniac’ (dal nome del pioniere della plastic surgery a stelle e strisce).Uno dei riconoscimenti più prestigiosi al mondo.Un elogio ben meritato per il Responsabile della Chirurgia Rigenerativa della struttura veronese, nonché Presidente dell’International Society of Plastic Regenerative Surgery.Esso è dovuto alla scoperta della ricostruzione del seno in seguito alla mastectomia, senza protesi, solo con il grasso prelevato attraverso la liposuzione. Lo studio risale al periodo in cui dirigeva il reparto di Chirurgia Plastica, Centro Ustioni e Centro Regionale per la ricostruzione mammaria dell’Ospedale Civile di…



Volotea apre dal Catullo il volo per Ibiza

  Volotea, compagnia aerea con base al Cetullo, inaugura oggi il nuovo volo per Ibiza.La compagnia aerea low cost che collega aeroporti di medie e piccole dimensioni, inaugura infatti il nuovo collegamento che si va ad aggiungere ai collegamenti già operati dal vettore al Catullo, da cui è possibile prendere il volo verso 5 destinazioni internazionali (Santorini, Tirana, Chisinau, Palma di Maiorca e la neonata Ibiza) e 8 città italiane (Alghero, Bari, Brindisi, Cagliari, Catania, Napoli, Olbia e Palermo).«Il bilancio di Volotea all’aeroporto di Verona è sempre più soddisfacente – afferma Valeria Rebasti, Commercial Country Manager Volotea in Italia –. L’apertura della base ci ha consentito di proporre un bouquet di destinazioni ancora più ricco, pensato per soddisfare le esigenze di viaggio più diverse. Per chi in estate vuole tuffarsi all’estero, proponiamo 3 destinazioni che non reggono confronti: Ibiza che alterna night life e calette dal mare cristallino, Palma di…


Verona Wine Top premia 72 cantine e la giovane Sara

E’ stata una premiazione tra acquarelli e sfumature quella della 13a edizione di Verona Wine Top, il concorso enologico della Camera di Commercio di Verona.«La copertina acquerellata della Guida Verona wine Top 2016, firmata da Sara Maragna, studentessa al quinto anno del liceo artistico Nani-Boccioni», ha spiegato il presidente Giuseppe Riello, «è stata un premio alla creatività giovanile».Creatività giovanile che la Camera di Commercio ha voluto esaltare e stimolare accogliendo alcuni studenti del liceo nell’ambito del progetto di alternanza scuola-lavoro. «Abbiamo però anche voluto premiare la creatività delle 72 cantine premiate per 135 etichette», ha aggiunto, «ricordando loro quanto sono state abili a far conoscere sui mercati internazionali il ripasso e l’amarone. Così abili da stimolare la fantasia degli imitatori di tutto il mondo». Prosegue il presidente dell’ente camerale con l’elenco: «Da Rimarone a Di Passo in Passo, da Amarina a Sorpasso, da quando la Camera di Commercio ha iniziato…


Gran Bretagna mercato storico per imprese veronesi

La scoppola Brexit non poteva arrivare in un momento peggiore. Storicamente la Gran Bretagna è un mercato molto importante per le imprese veronesi, terzo per volumi d’affari dopo Germania e Francia, inoltre all’inizio di quest’anno stava crescendo energicamente. Nel 2015 l’export scaligero verso Berlino è stato di 1,68 miliardi, quello verso Parigi di 846 milioni, e Londra arrivava a stretto giro con 619 milioni. Tuttavia il primo trimestre 2016 prometteva davvero bene: +10,7%. Con benefici per molti comparti a partire dalle bevande, macchinari, prodotti alimentari, autoveicoli, marmi, abbigliamento, apparecchi elettrici, carta. Giuseppe Riello, presidente dell’ente camerale spiega che «solo nei primi tre mesi di quest’anno abbiamo esportato in Gran Bretagna 153 milioni di euro: in prevalenza vino, macchinari, marmo. Ora», osserva, «con la sterlina ai minimi storici sarà dura vendere le medesime quantità di prodotti e agli stessi prezzi, perché le produzioni inglesi diventano molto più competitive». Inoltre non va…


Meridiana, i sindacati bocciano la proposta Qatar

ROMA La proposta di Qatar Airways per Meridiana non piace ai sindacati, ma c’è ancora un po’ di tempo, fino a domani, prima di gettare la spugna. Dopo la ripresa del dialogo tra le parti e la decisione di posticipare di 72 ore la chiusura della procedura di mobilità, i sindacati definiscono irricevibili le proposte della compagnia araba su esuberi e contratto e chiedono che vengano introdotte modifiche. E mentre il Governo è in campo con una serrata mediazione, i vertici dell’azienda sarda preparano una missione domani a Doha per evitare un nuovo strappo.La trattativa tra le parti sul futuro della compagnia sarda, ripresa l’altro ieri con il ritorno di Qatar Airways al tavolo dopo l’irrigidimento dei giorni scorsi, è proseguita ieri con nuovi incontri al Ministero dello sviluppo economico sul tema del contratto di lavoro. Il contratto è il vero nodo della discussione e il ministro Carlo Calenda ha…